Foggia, Polizia di Stato arresta Sanseverese - NOC Press

Foggia, Polizia di Stato arresta Sanseverese


In data 21 Gennaio u.s. Agenti della Polizia di Stato della Polizia del Distaccamento Polizia Stradale di San Severo, impegnato in attività di controllo del territorio, hanno proceduto all’arresto per i reati di ricettazione e resistenza a Pubblico Ufficiale, guida senza patente, di tale DE BIASE Francesco, classe1992 di San Severo. 


Alle ore 17,00 circa, sulla SS16 al Km. 619, in agro di Lesina, gli Agenti notavano la presenza di una autovettura Volkswagen Passat di colore scuro ferma al centro della carreggiata il cui conducente veniva raggiunto da altro soggetto che, dopo aver scavalcato il guardrail, si introduceva all’interno del veicolo lato passeggero. I poliziotti, insospettiti da tale comportamento, decidevano di controllare sia il veicolo che gli occupanti avvicinandosi agli stessi. In quel preciso momento i due soggetti si davano alla fuga a bordo del veicolo. L’inseguimento si protraeva per circa 30 Km. su un’arteria stradale piuttosto trafficata. Il tallonamento dell’autovettura in questione terminava nel centro abitato di San Severo, in via Leoncavallo per la precisione, dove gli occupanti del veicolo arrestavano la corsa e si davano a precipitosa fuga a piedi. Uno degli agenti si lanciava all’inseguimento del solo conducente che dopo circa 600 metri veniva fermato, mentre dell’altro occupante si perdevano le tracce. L’altro agente operante procedeva al controllo accurato del veicolo e sul sedile posteriore notava la presenza di un grosso quantitativo di finocchi appena raccolti e sporchi di terriccio probabilmente compendio di furto presso qualche terreno adiacente alla SS16. 

Oltre a procedere all’arresto del DE BIASE la pattuglia operante procedeva al sequestro della merce e del veicolo. L’arrestato confermava che la merce era compendio di furto e che la fuga era giustificata dal fatto che lo stesso era privo di patente di guida e che l’autovettura era priva di copertura assicurativa oltre che della prescritta revisione. Dopo gli adempimenti del caso il DE BIASE, gravato da numerosi precedenti penali e di polizia, veniva foto-segnalato presso il gabinetto di Polizia Scientifica del locale Commissariato e poi tradotto presso il proprio domicilio con la misura cautelare degli arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.-

Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.