Un altro Raduano in carcere. È Antonio, lo zio di Marco, il boss di Vieste. Furto aggravato il motivo - NOC Press

Un altro Raduano in carcere. È Antonio, lo zio di Marco, il boss di Vieste. Furto aggravato il motivo


La notizia è giunta nel tardo pomeriggio. A Vieste i Carabinieri hanno arrestato Antonio Raduano, 70enne, per furto aggravato di energia elettrica. L’ordine di esecuzione della Procura della Repubblica di Foggia, dell’ Ufficio Esecuzioni Penali, è stata confermata dopo comprovate indagini iniziate nel luglio del 2015.
Ci son voluti 4 anni ben incastrarlo. Antonio Raduano, vecchia conoscenza delle Forze dell’ordine per comuni reati, ora dovrà scontare una condanna di 1 anno di carcere e pagare 1000 euro di multa.

Come detto, Antonio Raduano e lo zio paterno del boss del clan mafioso di Vieste, il famigerato Marco, anche conosciuto come “pallone” e/o “faccia d’angelo”.

Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.