LEONARDO lancia i CITY-DRONI a domicilio - NOC Press

LEONARDO lancia i CITY-DRONI a domicilio





La società italiana Leonardo a forte trazione tecnologica sta puntando forte sui droni e, oltre alle applicazioni in campo militare, ora guarda in maniera concreta anche alle applicazioni in campo civile, con il servizio di trasporto logistico.

L'azienda, in collaborazione con Comune di Torino e con D-Flight (società del gruppo Enav, in partnership con Leonardo e Telespazio), ha avviato una serie di prove, autorizzate da Enac (Ente nazionale Aviazione Civile), per il trasporto con un drone a propulsione elettrica (dal peso di 130 kg) di un carico di 25 kg. 

Il progetto, denominato “Sumeri: Si Salpa!”, è il primo in Italia a veder volare in un contesto urbano (rari esempi simili nel mondo) un sistema a pilotaggio remoto, per testare un sistema di consegne via drone che potrebbe trasportare centinaia di chilogrammi di merci fino a 50 chilometri di distanza.

Si tratta di una serie di sperimentazioni nel campo della Advanced Air Mobility, che ha l'obiettivo di accelerare l'introduzione di questi velivoli nei cieli e di contribuire, partendo dall'Italia, allo sviluppo di servizi innovativi a supporto del cittadino.

Obiettivo: città più funzionali, sostenibili ed ecologiche

Per Laurent Sissmann della Svp Unmanned Systems di Leonardo: “Si tratta di un’iniziativa che esprime la visione di Leonardo per rendere le città più funzionali, sostenibili ed ecologiche attraverso nuove tecnologie in ambito unmanned e logistica, da impiegare anche in situazioni di emergenza come quelle degli ultimi mesi. Intelligenza artificiale e automazione sono, insieme alle nostre capacità sistemiche e competenze aeronautiche, i principali strumenti che Leonardo mette a disposizione per abilitare, in totale sicurezza, nuove ed efficaci tipologie di operazioni aeree”.

Laurent Sissmann prosegue: “Un caloroso ringraziamento va al Comune di Torino, protagonista di molte soluzioni pioneristiche in questo campo. Siamo anche particolarmente grati all’Enac per il supporto in questo percorso di innovazione tecnologica e di business nel rispetto dei requisiti di safety e security previsti dalla regolamentazione. Infine, è con grande soddisfazione che vediamo D-Flight crescere, accogliendo le funzionalità della piattaforma nella sperimentazione”.





Il direttore generale di Enac Alessio Quaranta ha aggiunto: “l’esperienza del progetto "Sumeri" ha permesso all’Enac di implementare le metodologie innovative di analisi del rischio previste dalla regolamentazione per le operazioni dei droni, al caso specifico del trasporto logistico di beni in ambito urbano che costituisce una delle tipologie cruciali di servizi per lo sviluppo della mobilità aerea urbana e avanzata in Italia”.

Quaranta poi conclude: “Tale progetto si inserisce a pieno titolo all’interno delle iniziative nazionali per lo sviluppo di questa tipologia innovativa di mobilità al servizio dei territori che l’Enac sta portando avanti da tempo insieme al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Ministero per l’Innovazione e la Digitalizzazione e con il supporto fattivo dei maggiori stakeholder nazionali, tra cui Leonardo. Un modello che contiamo di poter esportare in Europa”.

Tanti i potenziali campi di applicazione: dall'agricoltura alla logistica, dall'entertainment, all'energia.

Tutto questo permetterà a Leonardo di candidarsi per diversi e importanti progetti che probabilmente rientreranno nell'alveo del Recovery Plan che metterà al centro smart city, tecnologia e approccio green.

Proprio in questo filone di iniziative Leonardo sta finalizzando anche accordi nel 5G che permetterà di contare su nuovi standard di comunicazione mobili e su collegamenti ad alta velocità.

©NOCPress all rights reserved









Oggi ti suggeriamo questo prodotto pubblicitario

Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.