Volley, Italia campione d'Europa: con la Serbia il riscatto di Tokyo - NOC Press

Volley, Italia campione d'Europa: con la Serbia il riscatto di Tokyo






Fonte: clicca qui



È la stessa estate, sono le stesse squadre, ma è tutt’altra partita. A Belgrado, davanti a oltre 20.000 spettatori, Italia batte Serbia. La nazionale di Davide Mazzanti si è laureata campione d’Europa battendo 3-1 la squadra serba che aveva sconfitto le azzurre appena un mese fa ai quarti alle Olimpiadi. Era finita fra le lacrime a Tokyo per le ragazze che ora festeggiano il titolo.

L’Italia cede solo il primo set, finisce 3 a 1 con il terzo titolo continentale per le azzurre dopo i successi del 2007 e del 2009.

Una partita in crescendo, come non era riuscita nelle ultime partite dei giochi, in particolare quella contro la Serbia, campione del mondo in carica e bronzo olimpico.

Questa vittoria, figlia del gruppo, non può essere una compensazione per la delusione olimpica. È di certo invece il primo mattone di una ricostruzione, una ripartenza per una squadra che ha la grinta delle sue giocatrici più note, ma anche una fame e una lucidità che a Tokyo sembrano perduti.

Tutto riassunto nelle parole della capitana Miriam Sylla: «Non vedevamo l’ora di giocare contro la Serbia. Ci ricordavamo bene la partita delle Olimpiadi, provavamo un po’ di vergogna perché sapevamo di non aver giocato come potevamo. Volevamo dimostrare qualcosa, lo abbiamo fatto e sono davvero felice. Questa medaglia cancella il fallimento delle Olimpiadi: non ci siamo abbattute, siamo tornate e abbiamo vinto».

Reagire era la cosa davvero difficile da fare. «È stata una fatica tremenda andare in campo dopo quella delusione e tornare a divertirsi», ha detto il c.t. Davide Mazzanti, «Abbiamo fatto qualcosa di straordinario». Lo hanno fatto nella stessa giornata in cui tre azzurre sono salite insieme sul podio alle paralimpiadi, una grande giornata di ragazze azzurre.


©NOCPress all rights reserved

Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.