Genova: furti ad anziani, tre arresti e recuperata refurtiva del valore di 300mila euro - NOC Press

Genova: furti ad anziani, tre arresti e recuperata refurtiva del valore di 300mila euro





I militari del Nucleo Investigativo di Genova, con il supporto dei Carabinieri di Moncalieri ed Asti, hanno dato esecuzione ad una misura cautelare in regime di detenzione domiciliare emessa dal Gip del locale Tribunale nei confronti di tre soggetti autori di numerosi furti aggravati in concorso, attuati con modalità ingannevoli.

Le ordinanze sono state emesse a seguito dello sviluppo di attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo ligure, che già aveva riguardato i tre soggetti autori di furti in diverse regioni del nord-ovest italiano.

L’approfondimento investigativo su ulteriori reati perpetrati in danno di persone anziane, consumati sul territorio genovese e sulle altre provincie liguri, avvenuto anche attraverso l’analisi dei vari modus operandi posti in essere dai malfattori, ha fatto emergere elementi ed indizi di reità nei confronti degli arrestati in relazione ad altri furti commessi nelle regioni Liguria, Piemonte e Lombardia.

Il sodalizio criminale, composto principalmente dai tre arrestati, con un’età compresa tra i 60 ed i 30 anni, tutti pluricensiti penalmente – già sottoposti al regime della detenzione domiciliare ad Asti (AT) e Nichelino (TO) - erano soliti partire dalle zone d’origine per raggiungere le vicine province liguri dove consumare furti “in serie” a danno di malcapitati ed ignari anziani o pensionati con modalità delinquenziali astute e ormai consolidate.

Gli arrestati, dopo essersi introdotti nelle abitazioni delle persone anziane con la tecnica del “falso idraulico” simulando nella maggior parte dei casi un controllo al sistema di riscaldamento domestico, si appropriavano di piccoli oggetti per poi subito dopo cederli ai complici, i quali, a poca distanza dal furto, si presentavano alla porta fingendosi operatori delle forze di polizia, esibendo ai malcapitati gli oggetti poco prima trafugati e informandoli così del furto subìto. 

Le ignare vittime, colte di sorpresa, nel tentativo di verificare ulteriori ammanchi fornivano nella circostanza preziose indicazioni ai ladri sulla collocazione dei gioielli/monili che custodivano in casa, che venivano abilmente trafugati, approfittando subdolamente dello stato di ansia e distrazione indotto nelle vittime.

Recuperata, nel corso dell’indagine, ingente refurtiva per un valore complessiva di circa 300.000 euro.

Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.