44 arrestati in Polonia per lo sfruttamento sessuale minorile online - NOC Press

44 arrestati in Polonia per lo sfruttamento sessuale minorile online




Ufficiali dell'Ufficio centrale per la criminalità informatica polacca hanno fatto irruzione in 82 località e sequestrato 15.500 fascicoli raffiguranti abusi sessuali su bambini

Ad agosto, l'Ufficio centrale polacco per la criminalità informatica (Centralne Biuro Zwalczania Cyberprzestępczości), sostenuto da Europol, ha preso di mira gli abusi sessuali su minori attraverso l'istituzione di una squadra speciale di agenti di polizia. 

Gli agenti, esperti nelle indagini sugli autori di reati coinvolti nella distribuzione di materiale pedopornografico, hanno svolto ampie attività analitiche e operative per identificare i trasgressori e raccogliere materiale probatorio. Le indagini hanno coinvolto altre autorità polacche, oltre a Europol, il settore privato e il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati (NCMEC).

Alla fine di ottobre, gli agenti di polizia polacchi hanno effettuato 82 perquisizioni in tutto il paese e arrestato 44 sospetti di età compresa tra i 18 e i 66 anni. 

L'analisi preliminare e le perquisizioni hanno portato all'identificazione di 15.500 file di materiale video e fotografico raffiguranti l'abuso sessuale di minori e al sequestro di 350 unità di archiviazione digitale di grande capacità. 

Alcune delle immagini salvate sugli oggetti di archiviazione sequestrati raffiguravano abusi sessuali su neonati e bambini piccoli. Poiché alcuni dei file sono stati crittografati, saranno sottoposti a un ulteriore esame una volta decifrati. Gli indizi raccolti durante le azioni operative hanno alimentato ulteriori indagini tuttora in corso.

Tra gli arrestati c'è un individuo sospettato di abusi sessuali su due bambini di quattro e cinque anni, nonché un secondo individuo che ha già scontato una condanna a cinque anni e mezzo per aver abusato sessualmente di minori. 

Le attività operative hanno portato anche alla possibile prevenzione della vittimizzazione di un minore. Durante la perquisizione dell'abitazione di un sospetto, gli agenti hanno scoperto la corrispondenza con un bambino di 10 anni, il che suggerisce che l'adulto avesse ottenuto la fiducia del bambino ai fini del suo successivo sfruttamento sessuale. È in corso un'indagine su un altro caso simile.

Per diversi anni, Europol ha servito come destinazione per i rapporti NCMEC rivolti a sospetti online in vari Stati membri dell'UE, inclusa la Polonia. Ogni rapporto NCMEC viene archiviato e confrontato con i dati Europol ed eventualmente diffuso al rispettivo paese. Europol ha sostenuto l'operazione polacca fornendo supporto analitico, di identificazione delle vittime e open source e facilitando lo scambio di informazioni.



Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.