Cinque arresti in Ungheria per riciclaggio di denaro in tre continenti (Europa, Australia e Sud America) - NOC Press

Cinque arresti in Ungheria per riciclaggio di denaro in tre continenti (Europa, Australia e Sud America)






Circa 44 milioni di euro sono passati attraverso conti bancari legati alla rete criminale. La polizia metropolitana di Budapest (Budapesti Rendőr-főkapitányság), supportata da Europol, ha smantellato un'organizzazione criminale coinvolta nel riciclaggio di denaro e nella perpetrazione di frodi utilizzando documenti amministrativi. 

La giornata di azione del 9 maggio ha portato a:

- 24 perquisizioni domiciliari a Budapest, nella contea di Pest e nella contea di Szabolcs-Szatmár Bereg;

- 16 sospetti fermati e interrogati;

- 5 arresti (affidamento pre-processuale).

Sequestri di fondi in 32 paesi in Europa, Australia e Sud America

Sequestri tra cui: un veicolo di fascia alta, grandi quantità di apparecchiature elettroniche, telefoni cellulari e sim card, dispositivi di archiviazione dati, carte di pagamento, armi e munizioni, gioielli, pegno per un valore di circa EUR 740 e l'equivalente di più di EUR 120 000 contanti in diverse valute.

Circa 5 milioni di euro identificati come legati ad attività criminali.

L'indagine ha scoperto che i membri della rete criminale hanno costituito una serie di società senza attività economiche significative e ne hanno acquistate altre con l'uso di uomini di paglia. I sospetti hanno aperto conti bancari a nome di queste società da utilizzare in una catena all'interno di un programma di riciclaggio di denaro. I conti bancari hanno ricevuto bonifici da altri conti con sede in paesi diversi; questi beni di solito sono originati da frodi su fatture o truffe legate alle criptovalute. Le somme sarebbero poi trasferite ad altri conti per nascondere l'identità dei proprietari di questi fondi.

Si stima che sia attiva da settembre 2020, la rete criminale è sospettata di aver riciclato milioni di euro di proventi criminali. Più di 44 milioni di euro sono stati incassati su conti legati al gruppo criminale, mentre è già stata individuata l'origine criminale di ulteriori 5 milioni di euro.

L'indagine ha portato alla luce 44 persone coinvolte in queste attività criminali, 10 delle quali organizzavano l'attività, mentre 34 agivano come pagliacci. Gli uomini di paglia, generalmente provenienti da un ambiente socio-economico più vulnerabile, hanno fornito le loro informazioni personali in cambio di un compenso minimo. In alcuni casi hanno anche collaborato con i membri della rete criminale durante il prelievo e il trasporto di beni per loro conto. Collegati allo schema solo tramite reclutatori, gli uomini di paglia erano principalmente coinvolti nel processo di riciclaggio di denaro rispetto alle frodi commesse al di fuori dell'Ungheria.

Il sostegno di Europol

Europol ha sostenuto il caso dal 2020 facilitando lo scambio di informazioni. Il team di indagine finanziaria di Europol ha anche fornito supporto analitico specializzato, comprese analisi e competenze finanziarie e di criptovaluta. Nella giornata di azione, Europol ha inviato tre esperti in Ungheria per effettuare un controllo incrociato delle informazioni operative con le banche dati di Europol in tempo reale e fornire indizi agli investigatori sul campo.

Nel 2020 Europol ha creato il Centro europeo per la criminalità finanziaria ed economica (EFECC) per aumentare le sinergie tra le indagini economiche e finanziarie e rafforzare la sua capacità di supportare le autorità di contrasto nella lotta efficace a questa grave minaccia criminale.



Nessun commento:

Lascia un commento. Sarà cura della Redazione a pubblicarlo in base alle leggi vigenti, che non violino la persona e cose altrui. Grazie.